Parrocchia più semplice

19 Settembre 2021 – ordinario

XXV

Omelie

Il servizio che non teme la morte

Marco Andina

Gesù annuncia per la seconda volta la sua passione e la sua morte: «Il Figlio dell’uomo viene consegnato nelle mani degli uomini e lo uccideranno; ma, una volta ucciso, dopo tre giorni risorgerà» (Mc 9,31). Anche questa volta i suoi discepoli non comprendono il significato delle parole del Maestro. Per di più hanno paura di… Leggi tutto

Questo contenuto è riservato agli abbonati a Parrocchia Più Semplice

XXV Domenica del Tempo Ordinario

Guido Marini

Ascoltiamo dalla lettera di san Giacomo, apostolo: «La sapienza che viene dall’alto anzitutto è pura, poi pacifica, mite, arrendevole, piena di misericordia e di buoni frutti, imparziale e sincera». Questa parola possa accompagnare la nostra Domenica e l’intera settimana e sia invito a vivere ogni relazione nella logica evangelica del perdono. Racconta una storia ebraica:… Leggi tutto

Questo contenuto è riservato agli abbonati a Parrocchia Più Semplice

Una sapienza che viene dall’alto

Piero Buschini s.j.

La lettera di san Giacomo ci prospetta due opposti stili di vita: «Dove c’è gelosia e spirito di contesa c’è disordine e ogni sorta di cattive azioni. La sapienza che viene dall’alto, invece, è mite, arrendevole, piena di misericordia e di buoni frutti». Questo testo di san Giacomo viene sviluppato dalla prima lettura e dal… Leggi tutto

Questo contenuto è riservato agli abbonati a Parrocchia Più Semplice

Extra

Preghiera fedeli

Preghiera dei fedeli

Questo contenuto è riservato agli abbonati a Parrocchia Più Semplice

ℜ. Ascoltaci, Signore.

  1. Per la Chiesa, perché vinca ogni tentazione di potere e di grandezza mondana e senta come sua unica vocazione il servizio sull’esempio del suo Signore. Preghiamo: ℜ.
  2. ... Leggi tutto

Esegesi

Mc 9,31: Perché le predizioni della Passione vengono ripetute e che funzione hanno nella trama del vangelo?

Gian Luca Carrega

Nell’antichità si riteneva che i personaggi eminenti fossero in grado di predire la loro morte e forse la ripetizione dei preannunci della sua morte intendono mostrare come Gesù fosse consapevole e arbitro del proprio destino. Ma a livello narrativo dobbiamo osservare che ad ogni predizione della Passione da parte di Gesù corrisponde un’iniziativa dei discepoli… Leggi tutto

Questo contenuto è riservato agli abbonati a Parrocchia Più Semplice

Mc 9,35: Perché la traduzione italiana rende con un congiuntivo esortativo («sia l’ultimo») ciò che in greco si trova al futuro («sarà l’ultimo»)?

Gian Luca Carrega

Di per sé non è strano che un futuro sia reso in questa maniera: anche i dieci comandamenti nella versione greca dell’AT vengono esposti col tempo futuro che implica una modalità di dovere (tu non ucciderai = tu non dovrai uccidere). Ma nel nostro caso la scelta è dettata anche dalla necessità di evitare il… Leggi tutto

Questo contenuto è riservato agli abbonati a Parrocchia Più Semplice

Abbonamento Parrocchia Più Semplice