Parrocchia più semplice

4 Ottobre 2020 – Anno A

XXVII Tempo Ordinario

Omelie

Domenica XXVII T.O. A – L’apparente sconfitta di Dio

Marco Andina

Ai tempi di Gesù la zona collinare della Galilea era proprietà di ricchi latifondisti stranieri, che affittavano i loro poderi ad agricoltori del luogo. Non sempre era facile ritirare i prodotti della terra o l’affitto dai contadini che la lavoravano. Inoltre – secondo le leggi del tempo sull’eredità – un podere, alla morte del proprietario…… Leggi tutto

Domenica XXVII T.O. A – Il canto dell’amore deluso

Piero Buschini s.j.

Il canto dell’amore deluso, che abbiamo letto in Isaia 5 (1-7), è una pagina molto severa. Servendosi di una trasparente allegoria, il profeta descrive, con sofferta partecipazione, la storia monotona del popolo di Dio. Le sue vicende ripetono costantemente lo stesso motivo: da una parte l’amore di Dio con tutte le sue sollecitudini per il… Leggi tutto

Questo contenuto è riservato agli abbonati a Parrocchia Più Semplice

Preghiera fedeli

Preghiera dei fedeli

Questo contenuto è riservato agli abbonati a Parrocchia Più Semplice

ℜ. Ascoltaci, Signore

  1. Per le nostre comunità cristiane, perché non corrano il rischio di essere ridotte a un deserto per l’aridità della loro vita spirituale e la povertà del loro impegno di servizio. Preghiamo: ℜ.
  2. ... Leggi tutto

Esegesi

Mt 21,33: Cosa indica metaforicamente la vigna?

Gian Luca Carrega

Origene dimostra incertezza: «Volendo attenerti allo stretto senso del testo scritto del Vangelo, non potrai dimostrare chiaramente che il popolo sia la vigna. Ma forse nel Vangelo la vigna è il regno di Dio» [17,7]. Di più ampie vedute è l’interpretazione di Ireneo che vede nella vigna l’umanità intera [4,36,2].

Questo contenuto è riservato agli abbonati a Parrocchia Più Semplice

Mt 21,43: A chi sarà dato il regno di Dio?

Gian Luca Carrega

Nel giudizio di Gesù, viene tolto ai suoi interlocutori (cioè gli attuali capi religiosi) e dato ad un popolo che lo farà fruttificare. Il problema, però, è capire a chi si riferisca nel concreto. Quando vuole indicare i pagani, Matteo usa il plurale ta ethnē («i popoli»), mentre qui abbiamo ethnos al singolare, perciò l’idea… Leggi tutto

Questo contenuto è riservato agli abbonati a Parrocchia Più Semplice

Abbonamento Parrocchia Più Semplice